Diverse economie europee si stanno sviluppando singolarmente e nel loro insieme, creando nuove opportunità. Le aziende che operano in Europa devono tenere sotto controllo il panorama politico, economico e normativo in continua evoluzione.

Sia che stiate vendendo o che stiate costruendo un’attività in loco, ecco le questioni principali da tenere a mente quando pianificate o fate affari in Europa.

Accordi commerciali quando si fanno affari in Europa

Tenete presente che alcuni accordi commerciali sono regolamentati a livello di Unione Europea e che la legislazione di alcuni Stati membri contiene norme difensive per tali distributori. Poiché le leggi antitrust dell’UE sono uniche, dovreste anche considerare se il vostro accordo europeo è conforme, poiché i criteri per valutare una violazione della legge sulla concorrenza possono variare rispetto agli approcci di altri Paesi alle questioni antitrust.

Ambiente con tassi di interesse negativi

I tassi di interesse negativi sono comuni in tutta l’Eurozona e non sembrano muoversi temporaneamente. Pertanto, la maggior parte delle banche sta trasferendo le commissioni ai clienti che detengono saldi in queste valute. Ai clienti viene chiesto di spostare i fondi non operativi fuori dalla banca o viene data loro una certa soglia da rispettare. In risposta, i clienti stanno trovando un impiego per la loro liquidità in eccesso.

È diventato sempre più cruciale capire dove avete liquidità in eccesso e integrare questi saldi nei vostri cruscotti informativi. Dovreste anche esaminare le vostre strategie di copertura, dato che nell’ultimo anno le valute europee hanno subito notevoli fluttuazioni.

Controversie: scelta della legge e del foro

La scelta della legge è un aspetto importante dell’accordo che state negoziando. Il diritto inglese, ad esempio, tende a dare un’interpretazione più letterale delle parole esatte utilizzate, mentre altre giurisdizioni specifiche danno maggior peso al buon senso contrattuale. Altre nozioni che differiscono tra le varie giurisdizioni includono la misura in cui le parti saranno soggette a doveri di buona fede e se alcuni rimedi contrattuali saranno considerati “penali” e quindi non applicabili.

A seconda della giurisdizione, altre clausole saranno imposte al contratto per legge, ad esempio in relazione alla protezione dei consumatori o ai danni alla persona.

Potreste quindi voler applicare la legge di una specifica giurisdizione a seconda di vari fattori, come la posizione delle altre parti, la fornitura di servizi o la consegna di beni, o le leggi più applicabili alla vostra attività.

Nel caso di contratti transfrontalieri, potreste anche valutare se l’arbitrato internazionale possa essere preferibile al contenzioso come foro per la risoluzione dei conflitti.

Struttura bancaria

Le banche europee dipendono maggiormente da prestiti a breve termine per finanziare il loro fabbisogno di capitale rispetto alle altre banche.

I depositi e i prestiti sono le due principali fonti di finanziamento per le banche; se c’è concorrenza per i depositi, le banche devono ricorrere ai prestiti. Pertanto, molte banche europee hanno un elevato rapporto prestiti/depositi.

Diversi interventi normativi potrebbero soffocare la crescita in alcuni Paesi europei e ridurre i prestiti da parte di alcune banche. Si tratta di un aspetto da tenere sotto controllo per determinare dove operare e concentrare le proprie risorse in Europa.

Modifiche normative

La comprensione dell’ambiente normativo applicabile alla vostra azienda è una considerazione fondamentale.

Le modifiche normative da tenere presenti quando si opera in Europa sono numerose, tra cui le seguenti.

  • La riduzione del debito nel Regno Unito

Ciò indica la divergenza strutturale del lato delle banche che raccolgono depositi al dettaglio e commerciali rispetto alle attività imprevedibili che possono essere intraprese da questo istituto.

Per adeguarsi alle regole del ringfencing, alcune banche e altri istituti di deposito potrebbero dover riorganizzare la loro struttura ed eventualmente alcune delle loro funzioni bancarie.

  • Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).

Tutte le banche e le imprese che operano nell’UE dovranno rispettare le nuove norme sulla sicurezza dei dati.

L’articolo 3 del GDPR afferma che se raccogliete dati privati o informazioni comportamentali da qualcuno in un Paese dell’UE, la vostra azienda è soggetta ai requisiti del GDPR.

Non è necessario che la transazione finanziaria abbia luogo perché l’ampia portata della legge entri in vigore. Se l’organizzazione raccoglie dati personali solo come parte di analisi di marketing, i dati devono essere protetti dai requisiti del GDPR.

L’applicazione delle nuove norme del GDPR è importante per garantire che voi e i vostri partner bancari siate conformi.

Occupazione

In generale, il diritto del lavoro nell’UE è meno favorevole ai datori di lavoro rispetto ad alcuni Paesi, con clausole di recesso non consentite e accordi di contrattazione collettiva comuni in alcuni Paesi.

Individuare le norme stabilite dalla legislazione dell’UE sulle condizioni di impiego del personale, sulle modifiche ai contratti di lavoro, sulla notifica e sulla consultazione del personale.

Immigrazione

L’immigrazione per motivi di lavoro è un argomento di vitale importanza nell’UE, poiché numerose aziende accettano dipendenti provenienti da altri Paesi dell’UE o da Paesi terzi. Dovreste considerare quali sono le scelte per i lavoratori che volete inviare nell’UE e chiarire la strategia e il tipo di sostegno che volete fornire al vostro personale e alle loro famiglie.

Registrazioni IP

Assicuratevi di registrare la vostra proprietà intellettuale nelle giurisdizioni estere e rivedete il vostro portafoglio di proprietà intellettuale per garantire che sia aggiornato con le registrazioni e le date di scadenza.

Sebbene i marchi, i disegni e i brevetti siano tutelati attraverso la registrazione a livello locale e comunitario, ricordate che la durata di ciascun diritto è unica e che il loro uso o la loro concessione in licenza possono essere vietati dalla legislazione di uno specifico Stato membro. Inoltre, è necessario rivedere i contratti di licenza in vigore.

Servizi finanziari e passaporti

Per le società di servizi finanziari che operano nell’UE, il sistema di passaporto facilita l’utilizzo di una licenza regolamentare di un paese dell’UE in tutta l’UE. Una volta ottenute le licenze per i servizi finanziari con una delle autorità di regolamentazione nazionali, non sono necessarie altre licenze per offrire gli stessi servizi in altri Paesi dell’UE, eliminando l’onere e i costi di ulteriori approvazioni normative in altri Paesi dell’UE.

Nonostante le prospettive positive della regione dell’Unione Europea, un’attenta pianificazione strategica è ancora un processo inevitabile che deve essere completato come per l’ingresso in qualsiasi altro mercato.

Contattate subito il vostro esperto Damalion per registrare la vostra società in Europa e iniziare a fare affari in Europa. Fare affari in Lussemburgo dovrebbe essere un ottimo inizio.